Oggi parliamo dei 5 Super Poteri che hanno permesso a Sofia Goggia di vincere la medaglia d’oro alle Olimpiadi invernali di PyeongChang  .

Non sono una grande appassionata di sci e a dir la verità non sono nemmeno brava, quello di cui però sono profondamente appassionata sono le storie di successo e oltre all’obiettivo di esserne  sempre a caccia, un grande obiettivo di Business For Lady™ è quello di trasformare una storia di successo in

  • Ispirazioni utili e motivanti

 

  • Strumenti facili e pratici da applicare sia nella Vita Professionale che nella Vita Privata

 

  • potenti ELISIR formativi concreti ed efficaci

 

Iniziamo subito con la storia di Sofia 😉

Sofia Goggia è la prima donna italiana che ha vinto la medaglia d’oro in discesa libera femminile dei giochi olimpici. Prima di lei solo un italiano, Zeno Colò, a Oslo nel 1952.

Sofia è riuscita nell’impresa di conquistare il podio staccando la medaglia d’argento di appena 9 centesimi la norvegese Mowinckel e di quasi mezzo secondo Lindsey Vonn.

Da dove parte Sofia per arrivare alla medaglia d’oro?

Nata nel 1992 nella Bergamo Alta, mette i suoi primi sci all’età di 3 anni e debutta nella Federazione Italiana Sci nel 2007 a Livigno.

Tra il 2008 – 2009 arrivano i primi titoli italiani e nell’annata seguente partecipa alla Coppa Europa piazzandosi al 22º posto in discesa libera; ai Mondiali juniores tenutisi nella regione del Monte Bianco, arriva 6ª nella discesa libera e 46ª nello slalom gigante.

 

Nella stagione 2010-2011 alla Coppa Europa, termina la sua corsa già alla prima gara perchè nello slalom gigante Sofia viene bloccata da infortunio al ginocchio, che la obbliga ad un lungo stop [N.1] . Ritorna in competizione la stagione successiva vincendo i due giganti di Zinal, validi come gara FIS.

 

E’ in questa stagione che viene convocata per la prima volta nella squadra italiana di Coppa del Mondo, ove esordisce il 28 dicembre 2011, senza concludere lo slalom gigante di Lienz.

 

L’8 febbraio 2012 ottiene il suo primo podio in Coppa Europa, nel supergigante di Jasná vinto dalla connazionale Enrica Cipriani ma dopo 6 giorni ha la sua prima vittoria nella supercombinata di Sella Nevea. Purtroppo anche questa stagione la conclude in anticipo a causa di un infortunio ad entrambe le ginocchia [N.2], ma nonostante tutto, a fine anno risulta terza assoluta in classifica generale.

 

Nella stagione 2012-2013 partecipa a tre tappe di Coppa del Mondo senza concluderne alcuna. Porta a casa però tre vittorie, tre secondi posti e vari altri piazzamenti in Coppa Europa, vincendo la classifica di discesa libera e piazzandosi seconda nella classifica generale.

 

Viene convocata per i Mondiali di Schladming: in supergigante a sorpresa si piazza quarta, a cinque centesimi dal podio, durante la stessa manifestazione ottiene anche il 7º posto nella supercombinata e il 22° nella discesa libera.

 

Nella stagione 2013-2014 Sofia Goggia entra stabilmente nella squadra italiana di Coppa del Mondo; il 30 novembre 2013 ottiene i suoi primi punti in questa competizione, piazzandosi al 7º posto nel supergigante di Beaver Creek ma pochi giorni dopo, durante la discesa libera di Lake Louise si infortuna al legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro e operata deve concludere la stagione in anticipo [N.3]. 

A causa di questo infortunio non partecipa alle prime gare della stagione 2014 – 2015 e più avanti debutta in Coppa del Mondo chiudendo al 30º posto il supergigante di Lake Louise; circa due settimane dopo è 47ª nella discesa libera in Val-d’Isère. Ancora una volta deve chiudere la stagione in anticipo a causa di una cisti al ginocchio [N.4]. 

 

Sofia completa la stagione 2015 – 2016 senza nessun infortunio nella squadra nazionale, e gareggia la sua prima stagione completa in Coppa del Mondo, ottenendo vari piazzamenti a punti, particolarmente in slalom gigante.

 

Nella stagione 2016-2017 Sofia Goggia viene inserita nella squadra nazionale polivalenti, dedicata alle atlete competitive in più discipline. Tale stagione segna la sua affermazione ai vertici internazionali e chiude la stagione al terzo posto della classifica generale, con 1197 punti (record assoluto per un’atleta italiana, superando il precedente primato di Karen Putzer), conquistando inoltre un totale di 13 podi (a sua volta primato nazionale, migliorando quello appartenente a Deborah Compagnoni). Per quanto riguarda le classifiche di specialità, si piazza seconda in quella di discesa libera, terza in gigante, sesta in supergigante e ottava in combinata alpina, vantando almeno un podio in ciascuna di esse (ulteriore record in ambito italiano).

Prende parte ai Mondiali di Sankt Moritz 2017, dove vince l’unica medaglia della spedizione italiana (bronzo nello slalom gigante) e si classifica 4ª nella discesa libera e 10ª nel supergigante, uscendo nella seconda manche della combinata.

Ai XXIII Giochi olimpici invernali di Pyeongchang 2018, sua prima presenza olimpica, ha vinto la medaglia d’oro nella discesa libera e si è classificata 11ª nel supergigante e 11ª nello slalom gigante.

Forse queste notizie che hai appena letto non sono niente di nuovo e so benissimo che sono reperibili facilmente on line, quello che sto per raccontarti è invece il vero tesoro dei 5 Super Poteri che Sofia ha messo in atto.

Iniziamo dal primo!

 

1° Super Potere di Sofia: La PASSIONE

 

 

Se hai una forte Passione niente e nessuno potrà impedirti di proseguire per la tua strada.

In psicologia la passione è definita come un sentimento impetuoso, basato sui piaceri procurati dai sensi umani e che può impedire il controllo della ragione. La causa scatenante è una forte attrazione che la persona prova verso un soggetto esterno.

Il soggetto di Sofia è stato proprio lo sci, uno sport che ha conosciuto a 3 anni e che anche a grazie ai suoi genitori ha avuto la fortuna di perseguire in modo da coltivare il suo talento.

Se nella vita scegli in base alle tue passioni, tutto sarà più facile, ogni ostacolo sembrerà più piccolo perchè ci sarà una forza motrice dentro di te che ti spingerà oltre.

Se il lavoro che stai svolgendo è una tua passione, sarai sicuramente d’accordo con me che, nonostante i momenti difficili, (quelli ci sono per tutti..anche per Sofia 🙂 ), è più motivante e più facile chiamarlo lavoro 🙂 Se invece in questo momento il tuo lavoro non è la tua passione non preoccuparti non è tutto perduto… finché dentro te c’è quella scintilla accesa puoi sempre fare qualcosa per realizzare il tuo sogno.

  • In che situazione ti trovi in questo momento, il tuo lavoro è in linea con le tue passioni?

 

  • Quali risultati stai ottenendo?

 

  • Quali risultati vorresti ottenere?

 

2° Super Potere di Sofia: La VISIONE CHIARA

 

 

Sofia Goggia: 5 Super PoteriAvrai sicuramente visto questa foto… Sofia l’ha pubblicata sui suoi account social e questa è proprio la dimostrazione dell’estrema consapevolezza nel riconoscere la sua grande passione.

Quando Sofia ha compilato questa scheda degli obiettivi nel suo libro di allenamento mentale per gli atleti aveva solo 10 anni, la strada era ancora lunga e dura per arrivare al suo grande obiettivo di vincere la medaglia d’oro.

Quella che scrive è la mano di una Sofia bambina sicuramente inconsapevole di tutto il sudore e i sacrifici che ci sono dietro ad una medaglia, è la mano di una bambina che sogna e ci crede talmente tanto che non ha paura né di condividerlo né di metterlo per iscritto.

Avere una visione chiara è ciò che alimenta la passione giorno dopo giorno, è come benzina sul fuoco, qualcosa che continua ad ardere dentro e ti dà la forza e la determinazione di andare avanti.

Visione Chiara significa avere obiettivi ben definiti, ben strutturati, obiettivi di cui sei capace di assaporarne già la vittoria.

  • E tu, hai una visione chiara della tua vita e del tuo business?
  • Qual è la visione chiara della tua vita e del tuo Business? [scriverla in modo dettagliato]
  • Quali sono i tuoi obiettivi a medio e lungo termine?
  • Quali emozioni provi immaginando di raggiungerli?
  • Dove ti porteranno questi obiettivi ?

3° Super Potere di Sofia: La STRATEGIA

 

La scheda degli obiettivi che vedi nella foto non è nient’altro che uno dei tanti strumenti per costruire una strategia. Come vedi all’inizio c’è sempre un sogno e dopo di esso devono esserci degli obiettivi chiari a breve, medio e lungo termine.

Scrivere la visione e gli obiettivi ci aiuta a

  1. programmare il nostro cervello in modo da indirizzarlo a fare azioni che portano verso quella direzione
  2. essere più consapevoli di ciò che vogliamo
  3. essere coerenti con la nostra visione

 

  • Qual è la tua strategia?

 

4° Super Potere di Sofia: La Guida

 

Sofia ha messo i primi sci a 3 anni e ha iniziato le sue gare agonistiche nella Federazione Italiana a 15 anni.

Pensi che Sofia abbia fatto tutto da sola?

Certamente no! Si è affidata a degli esperti che per lei sono stati delle guide indispensabili per i suoi allenamenti e le strategie di gara, sono state persone che l’hanno super motivata quando serviva e spronata quando sicuramente era

<< pasticciona >> come lei stessa ha dichiarato ai microfoni degli intervistatori appena dopo la discesa vincente.

 “Di solito sono una pasticciona, ma oggi sono stata una samurai”

Affidarsi a qualcuno che ci guidi nel creare una strategia e soprattutto a metterla in pratica nelle azioni quotidiane è un modo per essere sostenuti durante

<< il viaggio verso l’obiettivo >> e soprattutto nei momenti difficili dove la cosa più scontata che si potrebbe fare è << mollare >>.

Affidarsi ad un consulente, un business strategist non è segno di debolezza ma una grande opportunità per crescere più in fretta, il metodo Business For Lady™ è lo strumento per farlo in modo personalizzato su di te e sul tuo business, se ha voglia di provare una consulenza gratuita di 20clicca qui. 

Non mi stancherò mai di dirlo:

<< Nessun atleta è diventato campione senza un metodo e un allenatore! >> (mia citazione ) 

 

5° Super Potere di Sofia: La Determinazione e Costanza

 

Sofia nella sua scheda degli obiettivi chiede all’allenatore di seguirla al massimo, si fissa come obiettivo quello di fare sempre meno errori, dichiara che il suo impegno rimarrà sempre 10 anche se non dovesse raggiungere gli obiettivi.

In tutta la sua storia di allenamenti e gare Sofia ha subito 4 infortuni che l’hanno obbligata a ritirarsi da 4 stagioni, gare in cui non è arrivata prima, allenamenti durissimi anche in giorni no o quando aveva il pre e il ciclo mestruale…. noi donne sappiamo bene cosa si prova! 😉

 Sofia ha continuato imperterrita nonostante le turbe ormonali dovute all’adolescenza e all’essere donna!

Avrà sicuramente avuto tentazioni in cui voleva mollare tutto, non credi?

Ecco cosa ha dichiarato in un’intervista a Vanity Fair

[Ancora nessuno conosceva il suo talento]

Il momento più difficile è stato il grave infortunio del 2013. “Ricordo perfettamente che una mattina mi alzai e, davanti allo specchio, mi chiesi se volessi ancora sciare.”

“Etimologicamente ‘crisi’ non ha solo un valore negativo: rappresenta un momento di riflessione, di valutazione che poi può trasformarsi nel presupposto per un miglioramento, per una rinascita”.

Determinazione e Costanza sono risultati che dipendono da 3 fattori importanti:

  • Passione
  • Metodo
  • Disciplina

 

Ecco cosa è successo qualche giorno prima della medaglia d’oro!

Qualche giorno prima di vincere la medaglia d’ora di discesa libera Sofia ha gareggiato per il superG e ha fatto un grave errore, ti riporto qui il suo post che ha scritto su facebook … Leggilo tutto! Questa donna è un grande esempio 😉

” Ci ho messa tutta me stessa; Poche volte quest’anno sono stata così autentica nella mia sciata. Trovare questo, alle Olimpiadi, mi riempie di gioia. Ma contano solo le medaglie. E in discesa io scaglierò il mio cuore oltre il traguardo. E andrò a riprenderlo! ..E non è andata come avrei voluto, ma in fondo…cosa voglio davvero? Qui alle Olimpiadi tutto ciò che conta è la medaglia. È palese che io sia qui per questo. E come la si ottiene..? Sono uscita da quel cancelletto sorridendo. Alla terza curva mi sono detta di lasciarmi andare, di divertirmi, di sciare senza paura, perché motivi per avere paura non ne avevo; non ne ho. Mi sono fusa con i miei sci, come se fossero stati la prolunga delle mie gambe, come se fossimo stati un tutt’uno. Mi permetto di togliere i << come se>>; perché così è stato. Una manche quasi perfetta, alla ricerca della velocità, abbandonata nella gioia di sciare..ciò che amo fare di più. Perché oggi io le ho sentite, quelle pressioni che tanto amo. No, non quelle a cui pensate voi ora; quelle non le ho avvertite, nemmeno lontanamente. Sto parlando delle pressioni che ricerco io quando scio , quelle che nascono dall’appoggio solido delle mie gambe quando premono con decisione sulla linguetta dello scarpone. E da lì nasce tutta quella trasmissione continua che altro non fa che connettermi con i miei sci. Tanti elementi, un’unica anima. Non c’è nulla di più bello di quella sensazione. E averlo fatto oggi, nel mio primo SuperG Olimpico.. mi rende felice. Poche volte quest’anno sono stata così autentica sugli sci. E poi ho sbagliato. Una spigolatina che mi è costata cara, carissima. E poi ho ripreso, anche se avevo avvertito di aver perso tanto; non sai mai quello che può succedere. In fondo, lottare, è una delle cose che meglio mi vengono e che da sempre faccio. Ci ho provato sul serio, dannazione. Ho dato e messo tutta me stessa, su questa pista, su quel tracciato oggi. La miglior Sofia che la giornata potesse richiedere. Ma non è stato abbastanza. Perché non ho ottenuto ciò che conta qui; la medaglia. E domani il sole sorgerà di nuovo. Lo guarderò, metterò i miei sci in spalla e con un sorriso andrò ad affrontare la prova di discesa; libera”. 

Sofia ha fatto la sua analisi di gara, ha capito ed ammesso i suoi errori ma non ha perso la sua determinazione .. ha guardato oltre quello che era successo e si è detta di essere subito pronta per una nuova gara!

 

 

<< Domani è un altro giorno e il sole sorgerà di nuovo …

Scaglia il tuo cuore oltre il traguardo e vai a riprenderlo! >> 

 

Siamo giunte alla fine di questo articolo, spero ti sia piaciuto e ti chiedo di fare queste 4 AZIONI per restare in contatto con noi, per leggere gli articoli in anteprima e conoscere altre donne super positive in modo da ampliare il tuo Gruppo di Pari 

  1. CLICCA MI PIACE sulla Pagina BUSINESS FOR LADY per restare in contatto con noi
  2. ISCRIVITI AL GRUPPO BUSINESS FOR LADY per ampliare la tua rete di contatti
  3. CONDIVIDI questo articolo con tutte le persone che vuoi
  4. SCRIVI un commento per farci sapere cosa ti è più piaciuto e cosa hai messo in pratica

 

    Ai tuoi successi!

sofia-goggia-una-donna-con-5-super-poteri ultima modifica: 2018-03-04T07:57:22+00:00 Ci sono 5 Super Poteri che Sofia Goggia ha messo in pratica per vincere la medaglia d'oro, scoprili e mettili in pratica nel business e nella vita privata da Gemma De Francesco

Pin It on Pinterest

Share This